Dystopian Wars – Trucchi e consigli di pittura di Spartan Games Team

Come dipingere un figurino in scala 28mm in 45 minuti di Michael Farnworth – Parte 2 di 3
29 Marzo 2014
Come dipingere un figurino in scala 28mm in 45 minuti di Michael Farnworth – Parte 3 di 3
1 Giugno 2014
Show all

Dystopian Wars – Trucchi e consigli di pittura di Spartan Games Team

The Dystopian Wars - Trucchi e consigli di pittura di Spartan Games Team Traduzione di Vittorio De Santis

Primo passo – Il colore di base

Ottenere una base bella liscia è molto importante. Per questo è meglio applicare due o tre strati sottili utilizzando il pennello più grande possibile e lasciando ad ogni stato il tempo per asciugare. Ogni difetto realizzato in questa fase resterà visibile nei passaggi successivi.

Secondo passo – I lavaggi

Il lavaggio è formato da un colore fortemente diluito con del diluente acrilico o con acqua. Si può applicare generosamente sull’intero modello. A questo stadio si deve porre molta cura nel fare sì che il lavaggio penetri in ogni recesso e cavità ed evitare che si formino delle bolle d’aria che in seguito si rileveranno con delle sgradevoli macchie più chiare. La vernice tenderà naturalmente a penetrare nei recessi del modello creando delle aree più scure e realizzando la profondità.

Terzo passaggio – Il pennello secco

Una volta che il lavaggio si è asciugato viene effettuato un leggero passaggio di pennello secco per accentuare i dettagli in rilievo e, ancora, per fornire una maggiore profondità al modello. Per prima cosa si carica di con un colore leggermente più chiaro del colore di base un pennello più grande possibile. Di solito mischiamo un poco di Ivory nel colore originale. Non usiamo mai il bianco puro in questa fase perché l’Ivory ha un tono più morbido e non ”sbianca” il colore. Per i verdi provate a miscelare un poco di giallo per schiarirlo. Una volta che il pennello è stato caricato con il colore ripulitelo della maggior parte della vernice passandolo su un pezzo di rotolo da cucina fino a che non sembra lasciare più alcun segno. Meglio che ci sia poca vernice che ce ne sia troppa, così quando pensate di averne tolta a sufficienza toglietene ancora un poco. Spesso teniamo sul tavolo da lavoro dei vecchi modelli sui quali facciamo le prove per essere sicuri. Quindi, con molta delicatezza, strisciate il pennello attraverso la superficie del modello. In generale lavorate contro la direzione lineare di ogni dettaglio della superficie ed in questo modo la vernice colpirà solo le aree in rilievo ed eviterete che finisca all’interno di qualsiasi recesso. Questo processo può essere ripetuto con uno o due toni leggermente diversi e più chiari fino a quando non sarete soddisfatti del risultato.

Quarto passaggio – I metalli

A questo punto ci spostiamo sulle aree metalliche del modello. Qui impiegheremo una tecnica che si pone a metà strada tra la pittura del colore di base ed il pennello secco che chiameremo ”pennello umido”. Se avete usato come colore di fondo il nero è preferibile, nelle aree metalliche, non scendere troppo in profondità in quanto il nero fornisce una sfumatura naturale per i metalli. Se avete usato come fondo un colore più chiaro dovete dipingere l’intera area e quindi applicare un lavaggio che sfumi queste aree. Non è una cattiva idea tenere vicino un campione dell’ultima sfumatura passata a pennello secco nel caso finiste ”fuori dal seminato”. Tutti facciamo piccoli errori su un modello che dobbiamo poi riparare.

Quinto passaggio – I dettagli

Ora siete pronti per giocare ed il vostro esercito ha delle belle uniformi che lo motivano ma se volete veramente creare panico ed invidia nel cuore del vostro avversario dovete fare in modo da far risaltare tutti i dettagli. Ci vuole il tempo di restare seduti e serve una buona vista per tutti i sottili dettagli sul modello. Portelli, oblò, sistemi missilistici, fonti di energia, porte (con le maniglie !!) sono un vero tormento in questa scala. Questo è il momento che il vostro di far lavorare il vostro ”pennello da dettagli” e far correre libera la vostra immaginazione. Cerchiamo di mantenere uniformi i dettagli in tutto l’armata. Per esempio i prussiani [del gioco] hanno le teste delle bobine dipinte in viola con simboli gialli o rossi e parti metalliche in bronzo e rame. I Covenants of Antartica hanno fonti di energia giallo/verdi e aree metalliche scure. Date una occhiata alle meravigliose immagini del libro delle regole o sul sito per trovare la vostra ispirazione.

Parte sesta – La basetta

Alcuni modelli, come i carri, necessitano di essere montati su una basetta formata da un nostro gettone. Prima applicate una copertura di colla PVA sulla superficie della base quindi spargete con generosità la sabbia più sottile che riuscite a trovare. Una volta asciugata eliminate l’eccesso spazzandolo via ed applicate un altro sottilissimo strato di PVA per renderla meno porosa. Dipingetela con un passaggio con un colore di base ” Dark Earth” o ”Green”. Quanda asciutta con un paio di passaggi di pennello secco potete aggiungere una maggiore profondità. Per il tocco finale se aggiungete poca erba sintetica o segatura colorata renderete la vostra base meravigliosa. Ovviamente fate in modo da far corrispondere e fondere le basette con qualsiasi tavolo da gioco userete. Se sono mimetizzate a sufficienza, forse, il vostro avversario non le noterà. La sabbia per le costruzioni è perfetta per questo passaggio ma, per esperienza, deve essere fatta asciugare bene su una teglia in forno per circa dieci minuti. Alcuni sommergibili hanno già la base d’acqua scolpita. Una volta ancora si applica lo stesso procedimento, solo senza la sabbia. Passate una buona mano di un blu medio seguito da un lavaggio con un blu più scuro miscelato con un poco di verde. Al posto del pennello secco faremo risaltare le creste delle onde usando, in successione, toni più chiari. Il tutto viene poi fissato con una mano finale di trasparente lucido a cui è stato aggiunto poco blu o verde.

Pensieri finali

Se incontrate qualsiasi problema mentre dipingete il vostro esercito, se volete mostrare il vostro lavoro finito o se piuttosto siete alla ricerca di una fonte di ispirazione perché non vi unite alla comunità della Spartan Games ? Potrete trovare una grande comunità di persone che hanno la vostra stessa passione e che vi possono dare consigli oppure che restano senza fiato per i vostri lavori finiti. Potete anche trovare trucchi su come comporre una armata, realizzare scenari o per le personalizzazioni.

Fonte: L’articolo originale in formato PDF si trova all’indirizzo http://www.spartangames.co.uk/january-release-painting-tips del sito http://www.spartangames.co.uk/. Si ringraziano gli autori per l’autorizzazione alla traduzione.

.