Il weathering con la pasta di gessetto di Trevor Mc Tavish
30 Giugno 2011
Autocostruire in scala 1/76 di Andy Lang – Parte 1 di 4
7 Luglio 2011
Show all

Il weathering con le matite di Trevor Mc Tavish

Il weathering con le matite


Autore: Trevor Mc Tavish



(traduzione di Vittorio De Santis)

Mentre dipingevo il mio kit di un Meteor della Tamiya ho fatto una scoperta scoraggiante: la vernice lucida bianca assorbe l’altra vernice come una spugna. Ogni volta che applicavo un lavaggio con vernice acrilica ad una linea di pannellatura alla fine mi ritrovavo sempre con un grande casino marrone che mi costringeva a dover ridipingere.

Sfortunatamente avevo già dipinto il kit del mio F-4 Phantom nella stessa maniera così come dovevo fare ? Dopo aver finito con il weathering della superficie superiore del mio Phantom utilizzando la pasta di gessetto mi è venuta l’idea di usare le matite per la parte inferiore.

Ho iniziato temperando una matita comune HB, qualcosa che è presente in ogni casa. Ho lavorato su piccole aree poi l’ho passata delicatamente sulle linee dei pannelli e poi, con un cotton fioc, l’ho delicatamente sfumata e fusa con la linea. Ho quindi passato una gomma parallelamente alla direzione delle linee dei pannelli.

Dove volevo ottenere una perdita di olio la disegnavo in zona con la matita e quindi la sfumavo seguendo la direzione del flusso dell’aria con un cotton fioc. Se spingevo troppo e ne aggiungevo una elevata quantità si può togliere con una gomma comune. Non premete troppo o scomparirà anche la vernice.

E’ stato un esperimento facile e di successo. La superficie inferiore del mio Phantom in scala 1/48 ha richiesto circa 45 minuti di lavoro per essere finita ed ho ottenuto l’aspetto sporco che desideravo. Non penso di consigliare questa tecnica in sostituzione dei lavaggi con le vernici o con la pasta di gessetto ma se dovete fare di fretta – o in caso di emergenza – la vostra matita casalinga HB può risolvervi il problema.

Fonte:

L’ articolo originale, Weathering with Pencils, si trova alla pagina (http://www.rockymountainmodelclub.com/articles/a158.htm) del sito http://www.rockymountainmodelclub.com/mainpage.htm. Si ringrazia l’autore per l’autorizzazione alla traduzione.