Dipingere indumenti e accessori in pelle di John Wilkes

I soldati staunitensi in Vietnam di David Brubaker – Parte 3/3
12 Maggio 2011
Il Bristol Bombay di Vittorio De Santis
21 Maggio 2011
Show all

Dipingere indumenti e accessori in pelle di John Wilkes

Dipingere indumenti e accessori in pelle


Autore:John Wilkes



(traduzione di Vittorio De Santis)

Personalmente uso i colori ad olio in quanto hanno un tempo di asciugatura lungo e possono essere fusi tra loro. Possono anche essere miscelati con gli smalti Humbrol – aumentando il tempo di asciugatura degli smalti e rendendo più facile evitare di lasciare segni delle pennellate sul modello finito. C’è anche un prodotto, chiamato olio di semi di lino, che aggiunto agli oli aumenta ancora di più il tempo di asciugatura. Se invece volete rendere più veloci le cose aggiungete un poco di Liquin della Windsor & Newton che ha come effetto negativo quello di rendere estremamente sottile il colore rendendo così molto difficile applicare come colore pieno alcuni dei colori più traslucidi. Ora vi ho dato alcuni spunti per i colori ad olio e quindi passerò a darvi degli spunti su come dipingere la pelle.

Prima pitturate l’area che andrà in pelle con un grigio scuro, meglio se opaco o satinato. Una volta che questo ha avuto abbastanza tempo per asciugare, possiamo dire due giorni, si può passare alla parte divertente. Prendete del colore ad olio nero e aggiungeteci la più piccola parte di un bianco ad olio e miscelateli insieme. Questo colore sarà più scuro dello smalto grigio originale Prendete la miscela di colori ad olio e passatela su un pezzo di cartoncino – un post-it andrà benissimo – e lasciatecela per circa 20 minuti. Quando tornerete a prenderla noterete che l’olio è stato assorbito dalla carta lasciandosi dietro parecchio pigmento. Questo è quanto stavate aspettando. Usate questo colore solido e pitturateci come volete l’area che andrà in pelle. Lasciatela sul modello per 20 minuti e quando ritornate fate quanto segue. Con un pezzo di strofinaccio da cucina o con una vecchio straccio ripulite delicatamente la superficie ripulendo le parti in rilievo in modo che rivelino il grigio che c’era sotto. Non andrà messo nessun diluente sullo straccio. Il grigio sarà stato anche sporcato ed apparirà leggermente più scuro del colore iniziale. Ci vorrà un poco di pratica e di pazienza. Suggerisco anche di mascherare l’incarnato e le parti già dipinte. Per dare un effetto ”vecchia pelle vissuta” provate con un marrone scuro al posto del grigio. Dovrete aggiungere un poco di marrone al colore finale in modo da dare un effetto diverso. Lo stesso può essere fatto per la pelle marrone iniziando con un marrone medio come base.

Il tutto richiede tempo per asciugare. Vi suggerisco di aspettare due o tre giorni prima di cominciare a maneggiare la pelle finita. Ricordatevi che è necessario tempo affinché l’olio asciughi e che è facile che prenda polvere per cui tenete il pezzo dipinto in un ambiente non polveroso. Io uso un vecchia confezione di gelato. A questo punto potete pensare a proteggere il capolavoro dai danni. Personalmente ho trovato che una copertura di Johnson Acrylic Floor Polish funziona meglio di qualsiasi finitura lucida, satinata o opaca possiate desiderare. Non mettete vernici a base d’olio o finiture lucide sui colori ad olio in quanto verrebbero assorbiti dalla pittura rovinando il vostro duro lavoro. Tutto questo può sembrare difficile ma è molto facile e sarete sorpresi dai risultati. Diversi anni di esperienza mi hanno insegnato questa tecnica ed io l’ho usata diverse volte su modelli differenti compresi sedili eiettabili, giacconi di pelle, stivali, cinte o qualsiasi altra cosa in pelle.

Fonte

L’articolo originale è alla pagina http://www.largescaleplanes.com/tips/JohnWilkes/Paintingleather/Paintingleather.php del sito http://www.largescaleplanes.com/. La foto è dell’autore. Si ringrazia l’autore per l’autorizzazione alla traduzione.