Invecchiamento dei modelli di aerei – Le tecniche di base di Matt Swan

Pittura base delle miniature
24 Febbraio 2009
Come ricreare il legno ovvero dipingere il legno con gli olii di Mark Therrell
17 Marzo 2009
Show all

Invecchiamento dei modelli di aerei – Le tecniche di base di Matt Swan

INVECCHIAMENTO DEI MODELLI DI AEREI - LE TECNICHE DI BASE


Autore:Matt Swan



(traduzione di Vittorio De Santis)

Il primo passo da effettuare correttamente è la costruzione di base del modello e la preparazione della superficie del modello. Tutte le decals devono essere posizionate e la superficie ricoperta con una buona finitura effettuata con un prodotto quale il Future Floor Polish o il Model Master Clear. prima di cominciare l’invecchiamento il modello deve essere lasciato per almeno 24 ore, meglio se 48, ad asciugare.

Per scopi ”didattici” utilizzerò un Dornier Do.17 ”Matita Volante” della Hobby Craft. Un punto chiave di tutto il processo è quello di essere sempre pazienti. La vernice deve avere il tempo di asciugare completamente tra un passo e il successivo e in ogni parte nella quale si utilizzano dei prodotti a base d’acqua, bisogna lasciare loro il tempo di asciugare. Se procedete troppo di fretta il risultato finale che otterrete molto probabilmente sarà insoddisfacente.

1. Lavaggio di sporco delle pannellature

Miscelate una piccola quantità di colore acrilico, io utilizzo il colore della Grumbacher in pasta, con dell’acqua fino ad ottenere una consistenza simile a quella del caffè. Aggiungete poi due gocce di sapone liquido in modo da eliminare la sua tendenza a legare.
Dopo che il modello è stato completamente ricoperto con la Future o altra finitura lucida, e lasciato asciugare, applicate lo ”sporco” liberamente a tutte le linee dei pannelli. Non è necessario essere precisi. Quando il lavaggio avrà assunto un aspetto asciutto, cosa che richiede solo pochi minuti, prendete un pezzo di un tovagliolo di carta di buona qualità e piegatelo fino a formare un piccolo e spesso tampone. Inumidite il modello delicatamente iniziando a lavorare dalla parte anteriore verso quella posteriore e dall’alto verso il basso. Questo rimuoverà il lavaggio dalla parte superiore di gran parte delle superfici lasciandosi dietro alcune striature. Se volete un aspetto pulito, effettuate un secondo passaggio o con una forza leggermente maggiore. L’aspetto gradevole di questo passaggio è che vengono i pannelli e invecchiato il modello nello stesso tempo e se esagerate potete eliminare tutto il lavaggio e ricominciare di nuovo senza distruggere il lavoro di verniciatura. Effettuate una nuova finitura lucida con il Future e procedete verso il prossimo passo.

In questa foto potete vedere come tutti i pannelli di questa ala sono stati coperti con il lavaggio di ”sporco” e come questo si sia asciugato. Di solito il tempo necessario è di circa cinque minuti. Mentre si asciugava ho preparato il tovagliolo di carta. L’ho piegato circa quattro volte per realizzare un tampone solido.Piuttosto che immergere il tovagliolo nell’acqua, che potrebbe renderlo troppo umido, ho bagnato un dito nell’acqua, lasciato cadere una goccia sul tavolo ed l’ho fatta assorbire questa con il tovagliolo per appiattirlo. Voglio rendere la superficie del tovagliolo la più piatta possibile così non scenderà nelle zone incise del modello rimuovendone il lavaggio. Voglio rimuovere solo il lavaggio dalle superfici superiori.

2. Gas di scarico e fumi delle armi

Il colore Tamiya X-19 Smoke rappresenta la soluzione a questo problema. É un bel colore acrilico translucido. Diluitelo con una piccola quantità di WINDEX o al 50 per cento con alcool e caricatelo nella vostra aeropenna sulla quale avrete montato l’ugello più piccolo disponibile. Quindi, con l’aeropenna angolata in modo che sia diretta verso la parte posteriore del velivolo, applicate una sottilissima e leggerissima copertura. La prima, e probabilmente anche la seconda mano, non devono essere molto visibili. Realizzate questo effetto lavorando con più livelli finché non avrete raggiunto la densità che volevate ottenere. Lasciate asciugare la vernice (10 – 15 minuti) prima di proseguire.
Dopo utilizzo della polvere di gessetto ed un batuffolo di ovatta per ricoprire lo Smoke con una tonalità marrone scuro. Usando un tagliabalsa rado della polvere di gessetto che faccio cadere in un tappo di bottiglia di plastica e poi, con un batuffolo di ovatta pulito, la passo su tutta la parte che ho ”affumicato”. Effettuo diversi passaggi per realizzare lentamente la tonalità desiderata di colore. Anche un pennello morbido, 0 o 1, funziona bene come il batuffolo di ovatta in questa procedura. Una volta ottenuta la desiderata tonalità, delicatamente rimuovo l’eccesso di polvere.

3. Scrostature

Molte persone usano un pennarello colore argento per fare le scrostature ma io non sono mai riuscito ad ottenere un risultato che mi soddisfacesse. Pertanto prendo un pennello di media grandezza, quale uno 0 o un numero 1, ne accorcio le setole. Lo premo sul tavolo per un poco di tempo in modo da rovinarle veramente molto. Prendete un poco di vernice argento, alluminio o acciaio e immergetevi il pennello così allargato. Delicatamente pulite il pennello su un tovagliolo di carta finché non è quasi asciutto quindi passatelo sui bordi di entrata alari, sulle pale dell’elica o su ogni altra parte sulla quale desiderate ottenere delle scrostature. Diversamente dal lavaggio dei pannelli non potete più rimuovere le scrostature, quindi prima provate su un modello che non vi interessa.

4. Perdite d’olio

I pennarelli quali i Micro svolgono un eccellente lavoro in questo caso. Alcuni modellisti usano questi pennarelli per accentuare i pannelli, ma penso che alla fine l’effetto risulti troppo deciso. Applicate un punto di inchiostro dove volete simulare l’inizio della perdita d’olio, inumidite (non bagnate) il vostro dito e mettetelo sul punto quindi spostatelo velocemente verso il basso (nella direzione della gravità). Si creerà una perfetta perdita d’olio. In alcuni casi vorreste dirigere la perdita nel senso del flusso dell’aria piuttosto che della gravità.

5. Dopo che tutti gli effetti di invecchiamento sono stati applicati e voi siete soddisfatti del risultato finale fissate il tutto con un copertura del vostro trasparente opaco preferito quale il Testor Dullcoat o il Polly Scale trasparente opaco. Il Testor è un prodotto a base di smalto e può causare una pellicola arancione se usato in quantità eccessiva. Il Polly Scale è a base acrilica e non reagisce con gli strati sottostanti.

Notate la fotografia a sinistra, il ventre dell’aereo. Notate come ho fatto continuare i fumi di scarico a partire dalla parte più grande all’interno della cappottatura del motore fino alla superficie inferiore del piano di coda. Questo è stato fatto con i gessetti per creare un effetto leggerissimo piuttosto che lo scarico più pesante della cappottatura del motore nella foto a destra. Nelle fotografie potete notare come il lavaggio passi ”attraverso” le decal. Se prima di iniziare ad invecchiare un modello non avete sistemato correttamente le decals, il lavaggio può scivolare sotto di queste e creare un grande problema. Quando invecchiate il vostro aereo è importante tenere a mente come il flusso dell’aria passi attorno al velivolo e il suo effetto che si riperquote su ogni materiale utilizzato.

Ci sono molti altri approcci filosofici all’invecchiamento oltre a questo. Queste sono semplici tecniche che io ho usato e che ho trovato ragionevolmente efficaci. Spero che le troviate utili quanto lo sono state per me.

Fonte:

L’articolo originale si trova alla pagina http://www.swannysmodels.com/Weathering.html del sito http://www.swannysmodels.com/index.html. Si ringrazia l’autore per l’autorizzazione alla traduzione

Fonti Fotografiche:

Le foto sono dell’autore e presenti nell’articolo originale. Si ringrazia per la concessione all’utilizzo.