VLRA 4X4 Master
10 Ottobre 2007
La febbre delle scrostature
11 Ottobre 2007
Show all

SPA AS43 – R. Rusconi

[b][size=xx-large][color=000099][font=Arial]SPA AS43[/font][/color][/size][/b]

[i][b][size=x-large][color=000099][font=Arial]Autore: R. Rusconi[/font][/color][/size][/b][/i]


Denominata dalla Viberti Carrozzeria speciale su SPA AS 43, deriva senza dubbio da una variante dell’Autoblinda A.S. italiana realizzata nel 1941 sulla base dell’Autoprotetto A.S.37 ed armata con la torretta originaria del carro armato L40.

Studiata nel gennaio 1944 fu prodotta in una piccola serie ed assegnata alla 2ª e 3ª compagnia del Gruppo Corazzato GNR Leonessa presso la caserma Dabormida a Torino intorno al maggio del 1944. Se ne conosce una sola targa : GNR 0151 come documentato da alcune foto riprese durante una parata a Torino.
L’armamento era costituito unicamente da quello di torretta: una mitragliatrice Breda da 20mm e una mitragliatrice coassiale. Gli scaffali munizioni erano sistemati nella parte posteriore dello scafo (in alto 5+5 cassette caricatori da 20 mm, in basso quelli cal. 8, 4 cassette a destra ). Altre due cassette per caricatori da 8 mm erano sistemate una a sinistra , l’altra a destra del posto di guida. L’autoveicolo pesava 2620 Kg senza acqua e combustibile, la blindatura 911,23 Kg senza contare i 642 pezzi accessori e cioè bullonatura fissaggio lamiere, cerniere, ganci ecc..
A questi vanno aggiunti la torretta con armi, le scaffalature, i sedili ecc, il serbatoio carburante (situato posteriormente sotto gli scaffali e che conteneva 120 litri di benzina) e infine, l’equipaggio di tre uomini.

GRUPPO CORAZZATO “M” LEONESSA

La costituzione del Gruppo Corazzato “M” Leonessa ha inizio a Montichiari in provincia di Brescia, il comando del Gruppo venne tenuto fino al 15 ottobre dal Tenente Colonnello Ferdinando Tesi, dopo questa data subentrò il Vice Comandante Maggiore Priamo Swich successivamente promosso Tenente colonnello.
Oltre il Comando e i servizi venne costituita quasi subito la 1ª Compagnia il cui comando venne affidato al Capitano Aristide Lissa, bresciano e la 2ª Compagnia il cui comando venne affidato al Capitano Zerbio anche egli bresciano.
Per l’addestramento la Compagnia venne dislocata a Carpenedolo poco distante da Montichiari.
Il Gruppo venne equipaggiato con mezzi corazzati e automezzi recuperati nei Depositi dei disciolti reggimenti carristi.