Location Euroma 2013
10 Aprile 2013
Come si sporcano i mezzi corazzati di Stephen C. Willoughby
12 Maggio 2013
Show all

Gloria nell’arena di Chris von Fahnestock

Gloria nell'arena di Chris von Fahnestock Traduzione di Vittorio De Santis

Un breve regolamento per i gladiatori. Per facilitare il gioco le statistiche dei personaggi sono i seguenti:

I gladiatori hanno quattro caratteristiche: Forza – Agilità – Movimento – Danni

Lanciate un dado a sei facce (1d6 d’ora in poi) se:

  1. 1-2 Forza = 1
  2. 3-5 Forza = 2
  3. 6 Forza = 3
  4. (il Reziario non può mai avere Forza = 3)

Lanciate nuovamente il dado. Se:

  1. 1-2 Agilità = 1
  2. 3-5 Agilità = 2
  3. 6 Agilità = 3
  4. (il Reziario non può avere una agilità inferiore a 2)

Per i danni calcolate:

1d6 + Forza (i colpi che il gladiatore può ricevere) + 1 per ciascuno dei seguenti componenti (se indossati): elmo, corazza pettorale o completa, corazze a protezione degli stinchi e corazze per le braccia.

Per determinare il rateo di movimento calcolate (Forza + Agilità) – 1 (per la corazza per il braccio) – 1 per l’elmetto chiuso – 1 per i parastinchi … NESSUN MOVIMENTO PUO’ ESSERE INFERIORE A 2

Svolgimento del turno:

Tutti i giocatori lanciano 1d6 e lo sommano alla loro Agilità. Il giocatore con il totale più alto è il primo, quello con il secondo totale è secondo e così via. Se ci sono più giocatori con lo stesso totale questi muovono nello stesso tempo.

Per muovere un giocatore annuncia ”Voglio avanzare” oppure ”Avanzo e attacco così e così” oppure ”Resto ancora fermo”. Un Gladiatore avanza di tanti esagoni quanti gliene permette il suo fattore di movimento … Una mossa che supera 4 e il gladiatore non può più lanciare un attacco, può solo difendersi.

Girare verso un lato dell’esagono costa un movimento. I gladiatori senza elmetto possono girarsi su un lato dell’esagono senza penalità (per esempio un reziario può entrare in un esagono e girarsi verso un lato dell’esagono a costo ”0”).

Se un gladiatore muove e la sua base ne tocca un’altro inizia una ”Mischia”. Per risolvere la Mischia tutte e due le parti lanciano 2d6. Applicate i modificatori e quindi confrontate con la seguente tabella:

Se le differenze nel lancio sono:

  1. +1,0,-1 Nessun risultato, bloccati nella mischia fino al prossimo turno
  2. 2 il perdente retrocede di un esagono (1E d’ora in poi), il vincente resta nell’esagono
  3. 3 il perdente retrocede di un esagono, il vincente avanza nell’esagono
  4. 4 il perdente retrocede di un esagono, il vincente avanza nell’esagono. Il vincente 0 danni – perdente 1 danno
  5. 5 il perdente retrocede di un esagono, il vincente può decidere di avanzare di un esagono. Il vincente 1 danno – perdente 1 danno
  6. 6 il perdente retrocede di un esagono, il vincente può decidere di avanzare di un esagono. Il vincente 1 danno – perdente 2 danni
  7. 7 il perdente retrocede di due esagoni, il vincente può decidere di restare in contatto. Il vincente 1 danno – perdente 2 danni
  8. 8 il perdente retrocede di due esagoni, il vincente può decidere di restare in contatto. Il vincente 1 danno – perdente 3 danno
  9. 9 il perdente retrocede di un esagono e cade a terra, il vincente può scegliere di restare in contatto. Vinente 2 danni – Perdente 4 danni
  10. 10 o più il perdente cade a terra istantaneamente ferito a morte, muore con 1d6 e non può difendere se stesso. Il vincente 1 danno.

Modificatori al lancio 2d6:

  1. Scudo +1
  2. Elmo chiuso +1
  3. Elmo +1
  4. Lancia contro spada +1
  5. Parastichi/corazze per le gambe +1
  6. Corazza per le braccia +1
  7. Corazza per il petto/corpo +1
  8. Rete nella mano +1
  9. Ogni punto Danno -1

Difesa per ogni lato dell’esagono

Agilità (aggiungere la differenza se superiore a quella dell’avversario)

AD OGNI COMBATTIMENTO: Lanciare sempre 1d6. Ad un ”6” e il giocatore attaccante perde il suo armamento. Un lancio con ”1” e il giocatore attaccante perde la sua rete o il suo scudo.

Per riprendere un arma nessun avversario deve occupare quell’esagono. Raccogliere un arma caduta costa un movimento. Se il gladiatore ha perso le sue armi e viene attaccato, l’attaccante guadagna un altro +1.

Danno: ogni colpo fa perdere un punto sulla lista dei danni del gladiatore.

Dopo avere perso due punti danno il movimento è ridotto della metà. Quando il punteggio ”danno” raggiunge ”0” il gladiatore cade e si rimette alla clemenza degli altri avversari. I gladiatori che si rimettono alla clemenza o giacciono al suolo verranno trattati dal loro avversario secondo i desideri della folla.

Attacchi con la rete

Un reziario può attaccare da un esagono di distanza. Puo cercare di flaggellare o di intrappolare. Se cerca di flaggellare bisogna usare il risultato del combattimento normale togliendo -2 al risultato ottenuto dal difensore.

Se il reziario cerca di intrappolare i due avversari lanciano il dado ed aggiungono la loro Agilità. Se il reziario ottiene un risultato superiore a quello del suo avversario questa è stato preso nella rete. Se il bersaglio ottiene un totale che è doppio rispetto a quello del reziario questo perde la sua rete. Per liberarsi l’obiettivo del reziario deve sommare 1d6 + forza + agilità. Se il totale è più alto di 5 è libero. Il giocatore attaccato dal reziario può solo provare questo una sola volta … altrimenti è senza speranza … e questo è parte della mischia … Se il bersaglio è intrappolato il reziario si appella alla folla.

Il Gallo ha il vantaggio di aggiungere un bonus di +4 per il primo turno della mischia, +2 per il secondo turno e +1 per il terzo e per tutti i turni successivi. Il bonus riparte di nuovo quando un Gallo inizia una nuova mischia.

Fonte: La versione originale del regolamento si trova alla pagina http://www.freewargamesrules.co.uk/ancient.html del sito http://www.freewargamesrules.co.uk/ e alla pagina http://outlandgames.net/FreeRulesPage.htm del sito http://outlandgames.net/.