Rivivere la storia…con passione – Mauro Villimburgo (Model Club VCO Verbania)
30 Ottobre 2007
La Colonna di Traiano – parte I
31 Ottobre 2007
Show all

Le Legioni Partiche di Settimio Severo – C. Antonucci

[b][size=xx-large][color=000099][font=Arial]LE LEGIONI PARTICHE DI SETTIMIO SEVERO[/font][/color][/size][/b]

[i][b][size=x-large][color=000099][font=Arial]Autore: C. Antonucci[/font][/color][/size][/b][/i]


Negli anni che vanno dal 195 al 197 dopo Cristo, l’Imperatore Settimio Severo si trovò a fronteggiare l’ennesimo attacco dall’impero dei Parti: potente popolazione orientale, eterna nemica di Roma, ed agguerrita.

L’imperatore in due successive campagne vinse tale nemico, e, addirittura conquistò la capitale Ctesifonte, situata in Mesopotamia, fra Tigri ed Eufrate.
Come vediamo nel disegno, potremmo ricostruire un delizioso soldatino di queste due gloriose legioni, arruolate da Settimio Severo proprio per questa guerra: la I e la II Parthica.
Il legionario raffigurato è di pelle scura, in quanto l’Imperatore, che era d’origine africana, arruolò molti suoi conterranei nelle colonie d’Africa: si nota un elmo in bronzo di tipo frigio, di stile orientale e poi la classica lorica segmentata in ferro, d’origine traianea.
Lo scudo riporta il fregio di una delle coorti delle legioni Parthicae, come lo si può copiare dai mosaici dei Castra Albana (Albano), dove era stanziata una delle due legioni.
L’armamento è costituito dalla lancea o dal pilum, completati dal gladius o dalla lunga spatha.

Il vestiario è costituito dalla paenula rossa (cioè il mantello) ricordata in età Severiana dallo storico cristiano Tertulliano. La tunica dello stesso colore può essere associata alle descrizioni della Historia Augusta, sempre di riferimento all’età di Settimio Severo.
Le brache (femoralia) erano di proprietà personale e quindi variavano nel colore.
Ai piedi, i legionari severiani, portavano le caligae tipo sandali, oppure i calzari – calcei – tutti chiusi.
E’ possibile ottenere un buon legionario delle legioni Partiche dai figurini in commercio che portano la lorica segmentata, cioè la corazza a strisce.
Non dimentichiamo poi di sostituire la testa, inserendone un’altra con l’elmo frigio (vedi disegno): esistono pezzi delle ditte Andrea M., Pegaso, Sovereign, di varie grandezze.
Se vi capita di passare dalle parti del Foro Romano, date uno sguardo a quello che resta dell’arco trionfale di Settimio Severo e pensate che dai suoi pannelli scolpiti, abbiamo copiato il nostro legionario.
Certo all’epoca sua non era “sderenato” dall’incuria ed era tutto dipinto con realistici colori! Eppure oggigiorno le figure scolpite sono ridotte a dei pupazzetti zozzi di smog…