A casa di amici … Antonio Leveque

102° Rgt. Fanteria della Linea – G. Centanni
9 Giugno 2018
111° Reggimento Fanteria di Linea – G. Centanni
16 Ottobre 2018
Show all

A casa di amici … Antonio Leveque

Quando giri per i vari Concorsi incontri tanti amici. A Verbania Model Show 2018, tra i tanti, ho avuto il piacere di rivedere il mio amico Antonio Leveque.
Una persona che ha sempre il sorriso per tutti. Un piacere parlare con lui e condividere la nostra passione.
Il suo modo di vedere il modellismo è a 360 gradi, scolpisce e dipinge opere uniche nel suo genere, non a caso è soprannominato il "Poeta del Figurino".
La sua passione, oltre a qualche pezzo storico, è quella di realizzare scene fiabesche prendendo spunto da i tanti disegnatori romantici a cui piace cimentarsi in questo genere.
E proprio parlando di progetti futuri e figurini in mostra ho espresso ad Antonio il desiderio di poter vedere la sua collezione di oltre 250 pezzi.
La sua risposta è stata immediata " Riccà, con Massimo e Alberto, venite a trovarmi a casa che vi faccio vedere la mia collezione", la nostra risposta non si è fatta attendere e dopo una piccola programmazione per gli impegni di lavoro abbiamo trovato un lunedì che poteva andare bene a tutti. Si parte (un pochino in ritardo)e tempo 2 ore siamo a Torre Annunziata dove Antonio vive. Lì abbiamo un'altra gradita sorpresa, Alfonso Desiderio sì è aggiunto alla allegra brigata e come sempre dove siamo andati a finire??? .... Si mangia! Un posto carinissimo con la loro specialità il Baccalà. Buon vino, 4 chiacchiere, un dolcetto a Pompei e il famoso caffè napoletano. Purtroppo il tempo è tiranno per cui di corsa siamo andati a casa del Maestro. Entrare nel suo mondo è un viaggio nella fantasia, non fatta di personaggi feroci e crudeli (anche se qualche favola è molto crudele), ma in un mondo romantico dove i personaggi hanno tutti leggerezza, colori tenui, dettagli che raccolgono il racconto raffigurato. Lascio la parola alle fotografie che purtroppo sono state fatte con il telefonino. La promessa nel salutarci è stata quella di ritornare con molto più tempo e avventuraci con loro nelle bellissime strade piene di vita di Napoli e magari rimetterci a casa di Antonio ad ammirare le sue opere con un pizzico in più di tempo.