Dipingere gli effetti di luce di Alberto Gil – GCT Studios

Rapide note sulla mimetizzazione dei carri della Prima Guerra Mondiale di Peter Kempf
2 Ottobre 2015
I Vantaggi di iscriversi all’Alfamodel
9 Ottobre 2015
Show all

Dipingere gli effetti di luce di Alberto Gil – GCT Studios

Dipingere gli effetti di luce di Alberto Gil - GCT Studios Traduzione di Vittorio De Santis

In questo articolo vi spiegherò come dipingere gli effetti di luce direzionali la cui origine non deriva dalla luna o dal sole (luce naturale), ma da elementi esterni quali una palla di energia (in questo caso). Per rendere il tutto più veloce e facile vi spiegherò cosa dovete tenere a mente per ottenere questo effetto.

Per prima cosa dipingete completamente la miniatura come fate di solito, come se non ci fossero altre fonti di luce oltre a quella zenitale del sole. Una volta fatto reinterpreteremo la luce guidati dalla posizione della nostra immaginaria palla di energia.

La fonte di luce

In questo caso dobbiamo prendere in considerazione che la luce viene emessa tra le mani del figurino. Quindi la mano in alto (raggio di luce bianca) emetterà la luce verso il terreno e la mano in basso (raggio di luce rossa) la emetterà verso l’alto.

Quando dipingiamo assicuriamoci di tenere presente che la luce che si origina tra le mani funziona esattamente come quando si pitturano le lumeggiature di un sole immaginario. Se la mano inferiore sta guardando la luce qualsiasi cosa è sopra la mano dovrà essere dipinta con elevato livello di luminosità per dare un effetto come se venisse colpita da un raggio di luce. Una cosa importante da tenere a mente è che più vicino è superficie maggiore è l’intensità di colore e la sua brillantezza. Di contro più distante è la superficie minore sarà il colore e l’intensità.

Il colore con il quale dipingete queste lumeggiature potrà iniziare con un quasi bianco nel punto più vicino che si muoverà verso il colore che avete immaginato per la fonte di luce.


I colori

Per dipingere la sfera di energia scelgo un blu che corrisponda al concetto artistico. La pittura deve essere fatta con le velature. Di solito possiamo applicare diversi strati molto sottili di pittura fino a quando i vestiti e la pelle acquisiscono il colore della fonte luminosa. In questo caso il blu. Se volete un contrasto forte tra la fonte di luce ed i vestiti usate dei colori complementari per i vestiti quali l’arancione con il blu, il rosso con il verde o il giallo con il viola.

Per ottenere l’effetto illuminato il colore blu deve essere fatto in modo graduale e con un colore luminoso ma ricordatevi che il colore luminoso deve sempre essere vicino alla fonte luminosa.

In questa miniatura i palmi delle mani e le dita sono sempre più luminose come sono più vicine. Come ultimo dettaglio possiamo aggiungere il bianco puro sui punti strategici come sulle punte delle dita e dei palmi delle mani.

Raccomando sempre di girare nel mondo reale e di guardarvi sempre attorno per meglio capire come la luce naturale e l’illuminazione artificiale cadono su un soggetto. Potete usare le foto, realizzare un esempio che possa far vedere come potrebbe sembrare, dei video o i lavori di altre persone. Il trucco più importante è di fare pratica, fare pratica e fare pratica.

Spero che quanto scritto vi possa essere utile.

Fonte: L’articolo originale si trova alla pagina http://www.bushido-thegame.com/articles/painting-light-sourcing del sito http://www.bushido-thegame.com/. Si ringrazia per l’autorizzazione alla traduzione.