Dipingere i metalli con colori non metallici di Angela Imrie

La pittura delle miniature navali di Jason Gorringe
23 Giugno 2009
Stuccare le giunzioni di Matt Swan
10 Agosto 2009
Show all

Dipingere i metalli con colori non metallici di Angela Imrie

Dipingere il metallo con i colori non metallici

Autrice: Angela Imrie


(traduzione di Vittorio De Santis)

Spesso mi chiedono come dipingo le mie miniature, specialmente quelle realizzate con metallo ottenuto utilizzando colori non metallici. Molte persone che chiedono posseggono già una discreta conoscenza della pittura delle miniature, pertanto questi sono solamente poche opinioni, alcuni close-up e una piccola recensione dei colori usati.
Quest’area sarà aggiornata periodicamente con le differenti tecniche come finisco di completare più progetti.
Introduzione

NMM è l’acronimo di Non Metallic Metal il termine si riferisce ad una tecnica di pittura delle miniature. In pratica si usano colori opachi per rappresentare le aree metalliche. Il metodo preferito è quello nel quale si usano, di solito, vernici metalliche per le aree in metallo, in quanto viene percepito come più semplice. La NMM è considerata una tecnica nuova per le miniature ma esiste nella pittura dall’era pre-cristiana dell’Impero Romano. La sfida con le NMM è riuscire a rendere ”vero” un oggetto che si suppone sia in metallo dipingendolo con i colori opachi.

Per riuscirci si deve essere molto attenti nel miscelare i colori e capire come le sorgenti di luce circostanti agiscono sul metallo. Per un eccellente articolo su questo punto visitate il sito The Fantasy Art Resource Project [http://www.elfwood.com/index.html?u=1248192722].

Utilizzo come primer sia il nero che il bianco, a seconda della miniatura che sto dipingendo. In alcuni casi si può raccomandare l’uso del bianco su una miniatura con primer nero. Può sembrare una fase in più ma in realtà è una scorciatoia per far sì che le cose funzionino correttamente, specialmente quando si dipinge con colori chiari. In modo particolare lavoro partendo dal colore più scuro fino al più chiaro.

Non se ne sa mai abbastanza …. dovete applicare solo un leggero strato di colore

Tutti i colori utilizzati sono Games Workshop Citadel (d’ora in poi GW) o Vallejo Model Color (indicati con V)

Brunito NMM: Le aree scure sono sia in nero puro che in una miscela di Chaos Black (GW) e Intermediate Blue (V). Viene poi aggiunto più Intermediate Blue e lo si schiarisce fino ad ottenere il bianco puro. Può essere realizzato sia su primer bianco che nero
Bronzo NMM: Le aree in ombra sono in Burnt Cad Red (V) miscelato con Chaos Black (GW). Mantenendo questa miscela inizio ad aggiungere bianco per le lumeggiature. Sono ancora incerta sull’uso di questa miscela. Può essere realizzata sia su primer bianco che nero.
Cromo NMM: Il blu è ottenuto miscelando, in parti uguali, l’Enchanted Blue (GW), l’Ultramarine (V) e il bianco. Questa miscela è la parte più scura del blu e viene lumeggiata fino a bianco puro sulla parte verso il cielo dell’oggetto cromato. Il marrone è l’SS Camo Black Brown (V) e lo schiarisco fino ad ottenere il Beige Brown (V) che a sua volta schiarisco fino a bianco puro. Tutte le lumeggiature finali sono in Skull White (GW) puro. Si può fare solo su primer bianco
Oro NMM: Le zone più scure sono dipinte in Bestial Brown (GW). Questo viene schiarito con Lemon Yellow (V). La miscela così ottenuta produce un colore simile al Sunburst (GW). Le lumeggiature sono ora ottenute aggiungendo al colore lo Skull White (GW) fino ad ottenere il bianco puro. Deve essere fatto su primer bianco.
Rosso NMM: Uso il Burnt Cad (V). Il rosso come colore più scuro viene lavorato fino a raggiungere il colore Flat Red (V). Utilizzando una miscela di Blazing Orange (un vecchio colore GW) e bianco, con molta attenzione, la miscelo con il rosso e lentamente le lavoro a modo mio fino ad ottenere una lumeggiatura quasi bianco. Dovete provare ed essere attenti a non renderla troppo rosa o arancione. Può essere fatta sia su base nera che bianca, anche se raccomando la base bianca.
Ruggine (Ferro) NMM: Il ferro arrugginito è ottenuto puntinando una miscela molto trasparente di Dark Flesh (GW) traslucido direttamente sulle parti finite in metallo utilizzando colori non metallici. Le aree più scure ricevono gran parte della puntinatura marrone.
Argento/Acciaio NMM: Per un acciaio splendente lucido uso l’Intermediate Blue (V) con un piccolissimo tocco di Nauseating Blue (GW) per le aree più scure. Con più Intermediate Blue si ottiene un acciaio più grigio. Per ottenere una qualità Mithril aggiungete del bianco puro. In tutte e due i casi lumeggiate a partire da questi colori fino ad ottenere un bianco puro. Può essere fatto sia su base bianca che nera. Comunque raccomando il bianco.

Altri piccoli segreti

– Ricordatevi di dare alla vostra miniatura una finitura protettiva finale con del trasparente opaco. Questa finitura riduce la riflessione da parte di fonti di luce indesiderate e protegge il vostro duro lavoro.

– Tenete una posata da cucina attorno alla vostra aera di lavoro (per esempio un cucchiaio o una forchetta). Mentre lavorate studiate come la luce gioca, in un’area simile a quella che state dipingendo, lungo questi attrezzi. Come documentazione a portata di mano è eccellente.

Bibliografia consigliata:

The Fantasy Art Resource Project [http://www.elfwood.com/index.html?u=1248192722]: la ”bibbia” di questa tecnica su internet.

Jenova Project [http://www.jenova.dk/]: vi si trovano molti spettacolari close-up di metallo realizzato con colori non metallici nella vasta sezione del sito

Coolminiornot [http://www.coolminiornot.com/]: presenta una corposa sezione con molti metalli realizzati con colori non metallici. Ci sono anche alcuni migliori esempi di arte delle miniature e metalli non metallici.
Fonte:

L’articolo originale si trova alla pagina http://www.blackmoor.ca/articlesnmm.htm del sito http://www.blackmoor.ca/. Si ringrazia l’autrice per l’autorizzazione alla traduzione.
Fonti fotografiche:

Le foto sono dell’autrice e sono presenti nell’articolo originale. Si ringrazia per la concessione all’uso.