Archivi categoria : Medievale

Lo Stemma di Tivoli – Mariangela Riccioni

Lo Stemma di Tivoli Autore: Mariangela Riccioni Lo stemma di Tivoli è considerato uno dei più antichi d’Italia. Sulla sua origine, senza dubbio molto remota come testimoniano alcuni resti dell’arma incorporati ancora sulle facciate di alcuni edifici della città, emergono discordanze tra gli studiosi. Lo stemma tiburtino, inizialmente, era costituito solo da due torrioni posti…
Per saperne di più

Guerra delle Rose – G. Scartezzini

[b][size=xx-large][color=000099][font=Arial]GUERRA DELLE ROSE[/font][/color][/size][/b]

[i][b][size=x-large][color=000099][font=Arial]Autore: G. Scartezzini[/font][/color][/size][/b][/i]


Domine dies: giorno del Signore, 29 Marzo 1461, Towton: l’aria è squarciata dal grido di guerra di migliaia di uomini armati di lance, spade, mazze d’arme e lame affilate pronte a trafiggere, rompere, tagliare armature e corpi di uomini e cavalli.

Per saperne di più

Azincourt- F. Canaccini

[b][size=xx-large][color=000099][font=Arial]AZINCOURT[/font][/color][/size][/b]

[i][b][size=x-large][color=000099][font=Arial]Autore: F. Canaccini[/font][/color][/size][/b][/i]


Il primo weekend di Maggio 2008 verrà inaugurato presso il Museo di Azincourt, in Artois, il nuovo, grande plastico della celebre battaglia combattuta tra Francesi ed Inglesi nel 1415. Il recente museo, che nel giro di pochi anni ha triplicato le proprie dimensioni, grazie agli sforzi profusi dal suo ideatore, Claude Delcusse, potrà da ora proporre anche una grande ricostruzione, in scala 1:72, della battaglia di s. Crispino, celebrata da Shakespeare nella sua tragedia “Enrico V”.

Per saperne di più

Guglielmo Pazzo – F. Canaccini

[b][size=xx-large][color=000099][font=Arial]GUGLIELMO PAZZO[/font][/color][/size][/b]

[i][b][size=x-large][color=000099][font=Arial]Autore: F. Canaccini[/font][/color][/size][/b][/i]


Per comprendere l’importanza e la fama che quest’uomo doveva avere nell’ambito militare italiano del XIII secolo, basterà ricordare qui una frase con cui il Villani lo ricorda nella sua descrizione della battaglia di Campaldino: Guglielmino de’ Pazzi di Valdarno […] il quale fu il migliore e ‘l più avvisato capitano di guerra che fosse in Italia al suo tempo. Il Compagni lo sminuisce forse un poco, limitandosi alla definizione di franco cavaliere. I dati biografici riguardanti Guglielmo sono veramente scarsi. Possiamo però dire che era figlio d’arte! La prima citazione che lo attesta ce lo mostra già maggiorenne nel 1248, quando compare come teste in un documento riguardante l’assoluzione impartita dal vescovo Ubertini al canonico Benedetto, sciogliendolo dalla scomunica in cui era incorso per essersi legato a Federico II .

Per saperne di più