Archivi categoria : Evo Antico

Gladiatore Mirmillone della Pegaso, 75-072

[gallery link="file" ids="2984,2983,2981,2980"] Un nuovo gladiatore dagli amici della Pegaso. Abbandonata oramai la scala in 54 e dediti solo alla 75 (per me che mi sto cecando, una manna ......) questo pezzo presenta la oramai consueta e consolidata pulizia nella scultura (di Viktor Konnov) e nella fusione che ha reso la Pegaso famosa. Il pezzo…
Per saperne di più

Miles Legio X , Alexander Miniatures

Note Storiche Il figurino rappresenta un fante della X Legio durante le vittoriose campagne di Gallia del biennio 58 – 57 a.C. (anche se può essere tranquillamente inserito in altri contesti storici di quei decenni). E’ rmato con uno scudo ovale (scutum) rinforzato da un bordo in ferro, e con un rialzo centrale (umbo) che…
Per saperne di più

Navarca Romano, Battaglia di Azio, 31 a.C.

Questo nuovo pezzo della Soldiers è tratto dal famoso rilievo rivenuto a Palestrina e oggi conservato nei Musei Vaticani e che mostra un Navarca Romano (un ufficiale di marina, comandante di una nave) della flotta di Marco Antonio, riconoscibile dalla scultura di un coccodrillo sulla prua della nave dopo la battaglia di Azio nel 31…
Per saperne di più

Il Pugio – M. Colombelli

→[b][size=xx-large][color=000099][font=Arial]IL PUGIO[/font][/color][/size][/b]

[i][b][size=x-large][color=000099][font=Arial]Autore: M. Colombelli[/font][/color][/size][/b][/i]


Il pugio o daga, non ha mai rappresentato per il legionario romano, un’arma, poiché lo stesso era gia fornito di una corta spada, il gladio, a doppio filo. Erano, piuttosto, quelle popolazioni che utilizzavano lunghe spade ad un solo filo, come i germani, a trovare utile, nel combattimento ravvicinato, una lama più corta. Il “pugio” è un’arma di derivazione celtiberica, adottato solo in tarda epoca e probabilmente solo fino al III sec. d.C.. Non abbiamo, infatti, prove che nel corso del IV secolo la daga fosse ancora in uso. Era adottato indifferentemente dai legionari e dagli ausiliari.

Per saperne di più